Come Richiedere una Delega per Riscuotere una Pensione

La Delega Per la Riscossione della Pensione

Molti pensionati faticano a presentarsi agli sportelli per il ritiro della pensione, in virtù delle loro condizioni di salute  oppure dei timori insiti nel muoversi per la città con una quantità significativa di contanti. Per evitare spostamenti e lunghe attese, oppure il rischio di essere scippato, l'anziano può quindi autorizzare una persona, che goda di piena fiducia, a ritirare la pensione in sua vece. La delega per la riscossione della pensione è, infatti, piuttosto diffusa e crediamo valga la pena d'approfondire l'argomento.

Data la delicatezza dell'operazione sono d'obbligo particolari precauzioni e rigorosi controlli che tutelino il legittimo titolare della pensione, la persona delegata ed anche l'Istituto che eroga la pensione. In merito a quest'ultimo aspetto ricordiamo che ogni anno l'Inps procede all'accertamento di esistenza in vita dei pensionati, tramite gli archivi comunali, in modo da far emergere eventuali truffe a danno dell'Erario.
Lasciando per ora da parte i malintenzionati, vediamo meglio come richiedere una DELEGA PER RISCUOTERE UNA PENSIONE.


A chi bisogna rivolgersi per richiedere la delega per la riscossione della pensione?
È necessario informarsi e ritirare il modulo appositamente predisposto presso l'ente che eroga la propria pensione, ad esempio l'INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) o l'INPDAP  (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica) che mettono a disposizione degli utenti anche i loro siti internet.


Come si compilano i moduli per la delega?
I moduli contengono i dati anagrafici (comprensivi del codice fiscale) sia del delegante che del delegato, pertanto sono piuttosto semplici da compilare.
Per tutelare al meglio il pensionato è poi richiesta l'autenticazione della sua firma che può avvenire in diversi modi. Il delegante può recarsi di persona presso la sede locale dell'Ente dal quale riceve la pensione firmando la delega di fronte al funzionario incaricato che in questa maniera può attestarne l'identità, oppure può richiedere l'autenticazione della propria firma presso l'Ufficio Anagrafe del proprio Comune di residenza.

Se il delegante è impossibilitato a firmare può chiedere ugualmente la delega?
Il funzionario dell'INPS o dell'INPDAP è autorizzato ad accettare domande prive di firma nel caso in cui le condizioni fisiche del pensionato gli impediscano di scrivere oppure egli non sappia leggere e scrivere.
Qualora il pensionato sia impossibilitato a muoversi dalla propria dimora ci si può informare presso il Comune sulla possibilità che un messo o un assistente sociale si rechi di persona dal delegante per procedere all'autenticazione della firma.

Dove va presentata la delega?
La delega va presentata all'Ufficio che eroga la pensione, ad esempio all'INPS o all'INPDAP. L'interessato può recarvisi di persona oppure spedire la delega via posta, in questo caso ricordandosi di aver fatto autenticare la firma.


È necessario avvisare l'ufficio presso il quale si ritira la pensione?

No, l'INPS, una volta accettata la delega, provvede ad inviare un'apposita comunicazione sia al pensionato che all'ufficio presso il quale egli riscuote la pensione. Il delegato deve comunque portare con sè tale autorizzazione alla riscossione ogni volta che si presenta allo sportello per il ritiro della pensione.

Offerte Hotel